Progetti

L’Associazione DownUp ONLUS ha come scopo principale di rilevare e potenziare le capacità creative e cognitive del soggetto affetto da Sindrome di Down o da altre problematiche di tipo cognitivo. Questo è indispensabile per molti motivi, fra i più importanti cito l’autonomia (anche in vista di un posto di lavoro), una più adeguata socializzazione, una più adeguata scolarizzazione e da ultimo, ma non per questo meno importante, una consapevolezza del proprio stato, consapevolezza che nasce e cresce poco a poco, senza traumi, ma tra amici. Sono già nate delle vere amicizie, anche incentivate dalle mamme.

A questo proposito aggiungo che c’è un punto genitori, utilissimo per lo scambio di esperienze e conoscenze (di leggi e di quanto esiste, al proposito, sul territorio).
Le mamme sono anche le volontarie entusiaste del Centro e si prestano a dare non solo la loro esperienza, ma anche e soprattutto il loro conforto alle mamme cui nasce un bimbo affetto da Sindrome di Down. Il Centro si avvale di personale altamente qualificato: Elena Szulc del centro Binah di Milano, Anna Malah e Carla Costa.

Nel centro si adotta anche il metodo Feuerstein, un Metodo di Apprendimento Mediato che permette di migliorare notevolmente le capacità cognitive dell’individuo attraverso il potenziamento delle capacità neuronali. I corsi iniziano quando i bambini sono in età prescolare sfruttando le migliori capacità di sviluppo neuronale caratteristiche dei più piccoli e agevolandone lo sviluppo delle capacità di apprendimento, cruciali per l’inserimento dei bambini nella realtà scolastica e sociale. Le lezioni sono singole o a piccoli gruppi (se i soggetti sono omologhi). Al termine delle lezioni le terapiste si riservano 10-15 minuti per illustrare alle mamme non solo ciò che hanno spiegato, ma anche le difficoltà dei singoli soggetti e come questi devono essere seguiti a casa per una migliore assimilazione.

Il metodo Feuerstein infatti prevede una continuità tra insegnante e famiglia affinché l’esercizio all’apprendimento mediato possa essere applicato in ogni momento della giornata e della realtà quotidiana, per tenere il bambino sotto uno stimolo continuo. I risultati sono evidentissimi, a detta delle mamme e delle scuole, addirittura impensabili. I bimbi cominciano la scuola sapendo leggere, scrivere e con le prime nozioni di aritmetica. Data la difficoltà che questi alunni incontrano nel parlare, ci avvaliamo anche di 2 logopediste, Giada Finocchiaro e Paola Frezzato.

 

LA PRESIDENTE
Anna Bignardi Pastorinotopspyapps.net